Riga
fondata nel 1991 da Marco Belpoliti e Elio Grazioli
http://www.marcosymarcos.com/
Riga 22 Francis Picabia
Riga 22
Francis Picabia
a cura di Elio Grazioli
2003

La fama di Picabia è legata al dadaismo, all’invenzione del «macchinismo»: meno conosciuti sono il resto della sua carriera artistica, la sua importanza storica. Il fatto è che il personaggio Picabia è discusso, sfuggente e imprendibile. Ostinandosi ad evadere dalle etichette, ha messo in crisi categorie radicate fin dentro l’avanguardia di cui è stato uno dei campioni più provocatori, ma fino a scardinare quella stessa idea di avanguardia qualora si fossilizzi a sua volta in una pigra stasi. Compagno di strada e di scandali di Duchamp e Apollinaire prima, di Tzara e Breton poi, non si limita a dipingere, promuove e realizza riviste dall’impianto inedito, interviene in manifestazioni ed eventi di gruppo, fa teatro e cinema, ma soprattutto scrive poesie all’apparenza assurde, che gi guadagnano un posto di riguardo anche in campo letterario. La letteratura sul suo conto non è molta, se paragonata alla sua fama e a quella dei suoi compagni di strada. C’è ancora imbarazzo, ed evidentemente anche un problema estetico ad affrontare un artista come Picabia: questo per noi è uno dei motivi principali per celebrarlo ma anche per toglierlo dagli schemi più risaputi.
Editoriale
Indice
Recensioni