Riga n. 18
Alberto Arbasino
Nico Orengo
Buenos Ayres

Una delle ultime volte che ho incontrato Alberto Arbasino, era in Buenos Ayres. Veniva dal Colon in uno di quei grandi stanzoni dove tutto è carne alla brace. Ma seduto a tavola, non era già più lì, in quella traversa di Tucuman. Era già a Los Angeles, fra vecchio e nuovo Getty, ma con un pizzico di Scala.
Sempre così Arbasino. Un viaggiatore vorace, orizzontale. Un disgressivo per vocazione, talento, possibilità, impegno. Centripeto e centrifugo. Architetto e giurista di connessioni: un internet antelitteram, manuale e mentale.
Sempre in fuga dal dov’è per arrivare al dove sarà. Sembra in lotta con il movimento rotatorio di questo pianeta e di ogni suo contenuto. Conoscendone la storia, vorrebbe dirsi e dirci che già è raccontata, già da un bel pezzo è finita.
Ma non può, non riesce, perché il mondo, il nostro, è piatto e i sentieri, paralleli o no, infiniti.
Così esplora, continuamente, dicendo continuamente che in passato c’era di meglio, ma con la curiosità e la speranza, che un palcoscenico un po’ meno battuto, da qualche parte ci potrebbe essere. E intanto che non c’è, quel che c’è, se lui lo registra, vuoi dire che una certa consistenza, comunque, l’ha.
E se poi non dovesse, del tutto, averla, il fatto che ne abbia parlato, serve a dargli solidità, intanto un’impalcatura, una norma.
Goloso, quella sera, in quell’ingentilito ma rustico mattatoio, in una traversa di Tucuman, per turisti, Arbasino era alle prese con numerose costine. Le spolpava come un concerto, uno spettacolo teatrale, una mostra, un romanzo. Le spolpava e le destrutturava per dividere il sapore generale in sottosapori. Già viaggiava per la Pampa con Borges e Martin Fierro da un ombu all’altro, per sapere di quella carne vizi, virtù, corse e passato. Poteva rimbalzare su una chianina toscana o arrivare in Emilia dalle parti di Viligelmo o San Boseto.
C’era da stupirsi perché ogni volta è così. Come se curasse il timore di perdere qualcosa e non riuscire a tirar su tutti i gomitoli possibili, che se li sai fare sono infiniti. Ma ci vuole anche il tempo e la voglia di non mandare tutto a ramengo. Come spesso lui ha voglia di fare. E fa scrivendo letterine, anche ermetiche, appunti, avvisi, sollecitazioni. Ingenuamente, si fa per dire, perché usa ancora carta e penna, procede nel labirinto bianco, dove appunto, continua a tracciare sentieri. Disgressioni. Arbasino è un disgressivo. Ha grandi maestri di «varianti», ma lui rimane un disgressivo. Fratelli d’Italia, nelle sue molteplici redazioni, ne è la conferma. La carta è mobile, Arbasino più veloce. Quando parla è più veloce, ma non dà la possibilità di rileggerlo, di frenarlo. Così quando scrive sui giornali. Per fortuna che esistono ancora i libri, dove la pagina riporta al lettore la sua velocità ad un rallentamento più umano, per il lettore che non cerca continui sorpassi.
stampa
Ultimi numeri
  • Riga 39 Maurizio Cattelan
    Riga 39
    Maurizio Cattelan
    a cura di Elio Grazioli
    e Bianca Trevisan
  • Riga 38 Primo Levi
    Riga 38
    Primo Levi
    a cura di Mario Barenghi
    e Marco Belpoliti
    e Anna Stefi
  • Riga 37 Maurice Blanchot
    Riga 37
    Maurice Blanchot
    a cura di Giuseppe Zuccarino
  • Riga 36 Goffredo Parise
    Riga 36
    Goffredo Parise
    a cura di Marco Belpoliti
    e Andrea Cortellessa
  • Riga 35 Michel Serres
    Riga 35
    Michel Serres
    a cura di Mario Porro
    e Gaspare Polizzi
  • Riga 34 Le scarpe di Van Gogh
    Riga 34
    Le scarpe di Van Gogh
    a cura di Riccardo Panattoni
    e Elio Grazioli