Riga n. 13
Primo Levi
Luce D'Eramo
Il male di Levi

Primo Levi è diventato famoso con due capolavori sui Lager e sul ritorno dalla prigionia, Se questo è un uomo e La tregua. Poi ha scritto racconti che si potrebbero definire in vario modo, ma che preferisco chiamare semplicemente di fantascienza: un primo volume l'ha firmato con pseudonimo (forse anche a lui come alla maggior parte dei critici pareva inizialmente che non fosse abbastanza serio passare dal grave tema della deportazione a trattare l'esasperazione dei possibili comportamenti umani); di questa seconda raccolta invece s'è apertamente assunto la paternità.
Ho già scritto altrove che il suo itinerario espressivo secondo me è esemplare: dopo aver raffigurato situazioni ultime e problemi estremi, Primo Levi non poteva contentarsi di vicende spicciole, di significati parziali, ma per coerenza doveva radicalizzare ogni rappresentazione fino a trapassare l'apparenza addomesticata dalla quotidianità per cogliere, anche nel vivere moderno, i motivi di fondo dell'inquietudine dell'uomo.
A Paolo Milano la spiegazione, che a parer suo Primo Levi dà delle crudeltà e degli errori umani soprattutto nella società contemporanea, appare troppo blanda. Si tratta per lui di ben altro che di «vizi di forma». Il critico ha quasi l'aria di ricordare allo scrittore quanto più potente fosse la sua stigmatizzazione del male nelle opere concentrazionarie.
Il mio giudizio è diverso. Sin dai suoi libri sui Lager, Primo Levi lasciava vedere come lo svolgimento della disumanizzazione nazista fosse impercettibile e costante, finché una struttura esteriormente normale rivelava da ultimo la sua nascosta degradazione.
Si è pronti ad abbassare la testa di fronte a certe esperienze disperanti, ma non a comprenderne la lezione. Si ritiene ancora che il male sia qualcosa d'intero, di facilmente riconoscibile e quindi denunciabile (già il concetto, di per sé poliziesco, di letteratura di denuncia falsa il problema), e non ci s'accorge che anche nel male la cosiddetta «grandezza» è data dall'accumulo d'innumerevoli piccole storture, minuscole sviste, infinitesime deformazioni che, sommate a poco a poco, precipitano generando d'un tratto la tragedia.
In questi bellissimi racconti, asciutti, essenziali, scritti con stile chiaro e pacato, Primo Levi è riuscito a esprimere proprio questo carattere minuto del male, così minuto che può sfuggire a un occhio disattento e risultare naturale. E forse lo è, naturale, sembra dire lo scrittore, con una disperazione che non aveva raggiunto in Se questo è un uomo, e insieme pagando con questa sua disperazione il prezzo a lui necessario per poter credere nel futuro della nostra specie.

In «Studi cattolici», giugno 1971.


stampa
Ultimi numeri
  • Riga 39 Maurizio Cattelan
    Riga 39
    Maurizio Cattelan
    a cura di Elio Grazioli
    e Bianca Trevisan
  • Riga 38 Primo Levi
    Riga 38
    Primo Levi
    a cura di Mario Barenghi
    e Marco Belpoliti
    e Anna Stefi
  • Riga 37 Maurice Blanchot
    Riga 37
    Maurice Blanchot
    a cura di Giuseppe Zuccarino
  • Riga 36 Goffredo Parise
    Riga 36
    Goffredo Parise
    a cura di Marco Belpoliti
    e Andrea Cortellessa
  • Riga 35 Michel Serres
    Riga 35
    Michel Serres
    a cura di Mario Porro
    e Gaspare Polizzi
  • Riga 34 Le scarpe di Van Gogh
    Riga 34
    Le scarpe di Van Gogh
    a cura di Riccardo Panattoni
    e Elio Grazioli