Riga n. 27
Pop Camp
Redazione libri e DVD
PopCamp
Babilonia Magazine, 13 Agosto 2008

Nacque nel 1909 questa parola inglese: «camp». Tra pochi mesi compie cent’anni e un libro intrigante e profondo ne ricostruisce l’uso e l’abuso nel corso dei decenni. Ora sinonimo di kitsch, ora modo gentile per riferirsi al baraccone di classe che il mondo gay ha prodotto e digerito, il termine «camp» ha indicato sempre più una prospettiva nuova sulle cose, leggera e «floreale», romantica e sognante ma prepotentemente ancorata alla realtà. Un reale spesso ostile (omofobo?) e gretto nel grigiore della sua grammatica di base.
Viaggio in una parola che nasconde dietro di sé la storia geneticamente modificata di un’epoca e delle sue conquiste culturali.

«PopCamp», a cura di Fabio Cleto, Marcos y Marcos, Milano, 2 voll., pagg. 638

stampa
Ultimi numeri
  • Riga 39 Maurizio Cattelan
    Riga 39
    Maurizio Cattelan
    a cura di Elio Grazioli
    e Bianca Trevisan
  • Riga 38 Primo Levi
    Riga 38
    Primo Levi
    a cura di Mario Barenghi
    e Marco Belpoliti
    e Anna Stefi
  • Riga 37 Maurice Blanchot
    Riga 37
    Maurice Blanchot
    a cura di Giuseppe Zuccarino
  • Riga 36 Goffredo Parise
    Riga 36
    Goffredo Parise
    a cura di Marco Belpoliti
    e Andrea Cortellessa
  • Riga 35 Michel Serres
    Riga 35
    Michel Serres
    a cura di Mario Porro
    e Gaspare Polizzi
  • Riga 34 Le scarpe di Van Gogh
    Riga 34
    Le scarpe di Van Gogh
    a cura di Riccardo Panattoni
    e Elio Grazioli